L'arancia rossa dell'Etna

Una perla rossa dalle pendici vulcaniche dell'Etna

Nell’azienda di Giuseppe Rapisarda, alle pendici dell’Etna, viene prodotta l’arancia rossa di Sicilia, un tesoro di salute che racchiude una ricchezza incredibile di nutrienti benefici in un frutto gustoso e sano come pochi. Scopriamolo!


Caratteristiche nutritive

Le sostanze nutritive presenti in questo frutto lo rendolo la scelta ideale per chi voglia ricaricarsi di salute attingendo ad una fonte 100% naturale. In pole position tra i nutrienti dell’arancia si colloca la vitamina C, un acido che rinforzando la parete cellulare delle nostre mucose aiuta efficacemente la prevenzione delle malattie da raffreddamento, ma che svolge anche un’importante azione antiossidante, prevenendo così l’invecchiamento cellulare. L’arancia rossa contiene inoltre una buona concentrazione di vitamina A, utile per la vista, aumentando la capacità visiva nell’oscurità, e fondamentale per la crescita armonica dell’organismo. Altri nutrienti importanti presenti nel frutto sono la vitamina B1 e la vitamina P.

Essendo buona parte di queste sostanze poco diffuse in prodotti cotti o a lunga conservazione, è utile assumerne quotidianamente attraverso prodotti freschi che ne siano provvisti, ad esempio bevendosi una bella spremuta di arance.

L’arancia rossa contiene anche acido citrico, flavonoidi, terpeni e sali minerali come magnesio, calcio, zolfo, zinco, bromo, ferro, fosforo e rame. Molte di queste sostanze posseggono preziose proprietà curative ed anti-cancro.

L’arancia è uno dei frutti d’elezione per il rafforzamento del sistema immunitario (come suggerisce la saggezza popolare).

La buccia dell’arancia è assai utile non solo per produrre deliziosi canditi per l’industria dolciaria, ma anche per confezionare infusi digestivi assai efficaci.

La prezenza nella polpa del frutto di numerosi agenti antiossidanti la rende utile anche per confezionare maschere di bellezza contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento dei tessuti.

 

Il sole rosso di Sicilia a casa nostra

Ricordiamoci che la migliore spremuta di arancia è quella fatta da noi stessi a casa con lo spremiagrumi, usando frutta fresca, in modo da assorbirne anche i flavonoidi contenuti nella polpa, evitando l’impoverimento della vitamina C causato dalle trasformazioni inevitabili nel prodotto conservato.

Con le nostre arance rosse potremo portarci a casa un pezzo del sole di Sicilia: ci illuminerà col suo colore anche nel cuore dell’inverno.